Divieto sparo fuochi d'artificio e combustioni vegetali - RETE CIVICA DEL COMUNE DI BOVOLONE

archivio notizie - RETE CIVICA DEL COMUNE DI BOVOLONE

Divieto sparo fuochi d'artificio e combustioni vegetali

 
Divieto sparo fuochi d'artificio e combustioni vegetali

 

 

Con ordinanza sindacale n. 197 del 28.06.2022 si impone, a fine preventivo, il divieto di lancio e accensione di fuochi d’artificio e di combustione di materiale vegetale naturale all’aperto.

A far scattare questi divieti è la situazione di eccezionale siccità: in caso di scintille a contatto con sterpaglie o erbe secche il rischio di incendio sarebbe elevato.

La stessa Regione Veneto ha già dichiarato lo stato di crisi idrica e di pericolosità per gli incendi boschivi, prefigurando una situazione generalizzata di emergenza su gran parte del territorio regionale.

Pertanto, il Sindaco ha ritenuto doveroso, a scopo precauzionale, vietare su tutto il territorio comunale, fino a diverso provvedimento:

  • l'accensione e il lancio di fuochi d'artificio, di sparo di petardi, di scoppio di mortaretti, razzi a artifici pirotecnici e/o mongolfiere di carta meglio note come lanterne volanti a fiamma libera, nonché altri articoli pirotecnici, nel corso di qualsiasi tipo di manifestazione o evento, pubblico o privato, riconosciuto o meno dall'Amministrazione Comunale;
  • la combustione di materiali vegetali naturali non pericolosi, così come descritti dall’art. 182 comma 6 bis del D.Lgs 152/2006 e s.m.i., ovvero: la paglia e altro materiale agricolo o forestale naturale non pericoloso quali, a titolo esemplificativo e non esaustivo, gli sfalci e le potature effettuati nell'ambito delle buone pratiche colturali, secondo le modalità contemplate dalla normativa.

Si raccomanda vivamente a tutti i cittadini di avere la massima attenzione e diligenza nell’accensione di fuochi all’aperto (es. barbecue), in ambito domestico, tenendo sotto costante controllo la combustione, soprattutto in presenza di vento.

Le conseguenze di un incendio sono molto pesanti, non solo sotto il profilo della sicurezza pubblica e dei danni ai beni pubblici o privati, ma anche in termini di costi di intervento. Inoltre, ogni combustione distrugge in poco tempo ecosistemi acquatici e terrestri ed immette in atmosfera gas inquinanti.

Si invita alla lettura del testo completo del provvedimento allegato.

 


Pubblicato il 
Aggiornato il