Provvedimenti a sostegno di famiglie ed imprese - RETE CIVICA DEL COMUNE DI BOVOLONE

archivio notizie - RETE CIVICA DEL COMUNE DI BOVOLONE

Provvedimenti a sostegno di famiglie ed imprese

 
Provvedimenti a sostegno di famiglie ed imprese

 

Per sostenere la ripartenza l'Amministrazione Comunale mette in campo alcuni provvedimenti importanti: sconto sulla tassa dei rifiuti per le attività economiche, plateatici gratuiti per tutto il 2020 e proroghe sulle scadenze fiscali. Il sindaco: “Dalla parte delle famiglie e delle attività economiche non solo simbolicamente ma anche nel concreto”.

 

Bovolone - L'amministraziione guidata dal sindaco Emilietto Mirandola ha deciso di adottare una serie di provvedimenti diretti ad aiutare famiglie e imprese che fanno i conti con le pesanti conseguenze della crisi sanitaria ed economica causata dall'emergenza Covid-19. Un sostegno concreto per supportare la delicata fase della ripartenza.

 

“Come Comune abbiamo cercato di attuare quanto più possibile per venire incontro alle difficoltà che i cittadini e le nostre attività economiche stanno affrontando a causa delll’emergenza coronavirus – afferma il sindaco Mirandola – siamo vicini alle persone che pur tra tante incertezze hanno riaperto la propria atttività e vogliono tonare a lavorare e produrre. Senza dimenticare l'attenzione alla sicurezza di lavoratori e cittadini".

 

Tra i provvedimenti adottati dal Comune si segnala la decisione di rendere gratuiti i plateatici delle attività commerciali per tutto il 2020. L'amministrazione ha deciso infatti di garantire la gratuità per tutto l'anno, anche oltre per il periodo stabilito dal Decreto rilancio. Inoltre per accelerare le richieste di ampliamento di plateatici esistenti e le nuove domande, gli uffici hanno predisposto un percorso semplificato con la domanda può essere presentata in via telematica dando la possibilità di autorizzare più rapidamente le occupazioni già previste lo scorso anno e quelle ex-novo.

 

Sul fronte delle scadenze fiscali, il pagamento della prima rata dell’IMU di competenza comunale è stato posticipato al 30 settembre. Per quanto riguarda la Tari, la tassa sui rifiuti, l’amministrazione ha deciso di non aumentare le tariffe rispetto al 2019, facendosi carico di coprire gli ulteriori costi derivanti direttamente e indirettamente dall’emergenza covid. Inoltre è previsa la proroga della prima scadenza al 30 settembre. Sono stati infine decisi sconti sulla tariffa variabile per tutte le attività (tariffe non domestiche) costrette alla chiusura forzata durante il periodo di lockdown.

 

Per i mercati ambulanti viene prevista l’esenzione da Cosap e Tari relativamente alle giornate di assenza forzata a causa dell’emergenza. Parallelamente alle misure fiscali, il Comune ha fornito alle attività che hanno riaperto dopo lo stop forzato, un kit gratuito di dispositivi per la protezione con liquido igienizzante e mascherine da distribuire ai clienti.

 


Pubblicato il 
Aggiornato il