Assistenza Economica - RETE CIVICA DEL COMUNE DI BOVOLONE

Servizi al cittadino | Servizi Sociali | Informazioni e Servizi | Assistenza Economica - RETE CIVICA DEL COMUNE DI BOVOLONE

ASSISTENZA ECONOMICA

Finalità

Gli interventi di sostegno economico sono finalizzati a sostenere le situazioni di cittadini residenti nel Comune, i quali si trovino in particolari situazione di grave disagio economico, sociale ed a rischio di emarginazione.
Gli interventi consistono in un’erogazione di denaro e/o beni materiali, ovvero di esenzioni dal pagamento di determinati servizi ovvero una riduzione, a seguito della definizione di progetti personalizzati e del relativo contratto sociale.
Gli interventi sono attuati nei limiti delle risorse assegnate con il Piano Esecutivo di Gestione  definite annualmente dalla Giunta Comunale.
Sono previste due tipologie di intervento di sostegno economico:
- Contributi ordinari/continuativi;
- Contributi straordinari.
 

  Il contributo ordinario è una misura di sostegno economico prestata di regola per un periodo determinato annualmente dalla Giunta Comunale ed è finalizzato all’inclusione sociale  e al contrasto alla povertà con progetti personalizzati  a favore del cittadino esposto a rischio di marginalità sociale  e impossibilitato  a provvedere al mantenimento proprio e/o dei familiari. Il contributo può essere prorogato nei casi di necessità ed effettiva adesione al progetto concordato.
La Giunta Comunale determina annualmente il valore economico del contributo massimo erogabile.
  Il contributo straordinario è una misura di sostegno economico finalizzata  ad integrare il reddito familiare  quando ricorrano situazioni straordinarie od eccezionali che compromettono gravemente  e temporaneamente l’equilibrio socio – economico del nucleo.
La Giunta Comunale stabilirà annualmente gli importi massimi erogabili nell’anno e le tipologie di spese ammissibili.

La concessione sia del contributo ordinario che di quello straordinario  è vincolata alla elaborazione di un progetto personalizzato e del conseguente “contratto sociale”, finalizzati al recupero dell’autonomia  individuale e/o familiare.

 

Determinazione soglia di povertà

Annualmente la Giunta Comunale individua una soglia di povertà  e una successiva di  fragilità sociale, con i corrispondenti valori ISEE in modo da individuare le persone o famiglie che necessitano prioritariamente di interventi economici.
In linea di massima  le persone ed i nuclei  con valore ISEE  pari o inferiore alla soglia di povertà potranno usufruire di interventi di tipo continuativo, mentre le persone o le famiglie con valore ISEE che si colloca tra la soglia di povertà e quella di fragilità sociale, potranno usufruire di interventi straordinari.
In appositi provvedimenti la Giunta Comunale determinerà anche gli importi massimi erogabili e la durata dei contributi continuativi.
Casi in eccezione dovranno essere motivati da specifica relazione sociale  e adottati con apposito provvedimento.


Ulteriori criteri per  assistenza economica

Ai sensi di quanto previsto dall’art. 2, comma 1 del  DPCM n° 159/13 che così recita : “??.. gli enti erogatori possono prevedere, accanto all’ISEE, criteri ulteriori di selezione  volti ad identificare specifiche platee di beneficiari, tenuto conto delle disposizioni regionali in materia e delle attribuzioni regionali specificatamente dettate in tema di servizi sociali e socio-sanitari.”, il Comune di Bovolone nella erogazione delle prestazioni relative all’assistenza economica stabilisce come ulteriori criteri di selezione e priorità nella individuazione delle persone/nuclei familiari un punteggio di “fragilità sociale” assegnato dall’Assistente Sociale che gestisce l’istruttoria sulla base di indicatori sociali che verranno individuati annualmente dal provvedimento di Giunta Comunale, in modo da garantire assistenza a platee di persone che siano ritenute in quel periodo maggiormente a rischio di povertà.
Inoltre, come ulteriore facoltà  la Giunta Comunale, sentito il parere dei Servizi Sociali, valuterà l’ opportunità di mantenere, nella determinazione del contributo,  la valutazione economica collegata al reddito reale netto e al Minimo Vitale per ciascun nucleo/persona richiedente assistenza economica.

 

  *  *  *  *  *  *  *  *  *

 

DOMANDA CONTRIBUTO ECONOMICO

La domanda deve essere presentata all’Assistente Sociale, che riceve su appuntamento (vedasi la voce “Contatti e Orari d’Ufficio”), allegando la documentazione economico/reddituale del proprio nucleo familiare di stabile convivenza (composizione come da Certificato Stato Famiglia Anagrafico).


DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA RICHIESTA DI CONTRIBUTO ECONOMICO

 

 A) SITUAZIONE ECONOMICA :
 
- DICHIARAZIONE I.S.E.E.  IN CORSO DI VALIDITA’
(dichiarazione economica congiunta di tutti i componenti la famiglia anagrafica come previsto dall’art. 4 del DPR n. 223/1989 e dai soggetti, anche non presenti nello stato di famiglia, ma a carico IRPEF)
- ESTRATTO CONTO CONTRIBUTIVO  (rilasciato dall’ I.N.P.S. o Enti Convenzionati)
- PAGAMENTI PRESTAZIONI  (rilasciato dall’ I.N.P.S. o Enti Convenzionati)

   e se in possesso

- ULTIME 6 (SEI) BUSTE PAGA 
- INDENNITA’ DI DISOCCUPAZIONE PERCEPITE NEGLI ULTIMI 6 (SEI)MESI
- CASSA INTEGRAZIONE PERCEPITA NEGLI ULTIMI 6 (SEI) MESI
- MODELLO  O BIS M  DI PENSIONE ANNO CORRENTE
- RENDITA INAIL

SPESE ( se in possesso ):

- RICEVUTE AFFITTO PAGATE ULTIMI 6 (SEI) MESI 
- RICEVUTE  RATE MUTUO PAGATE ULTIMI 6 (SEI) MESI 
- RICEVUTE PAGAMENTO SERVIZI INFANZIA 0-3 ANNI 
- BUSTE PAGA ASSISTENTE FAMILIARE (BADANTE) 
- RETTE STRUTTURE DI ACCOGLIENZA

 

  B) DOCUMENTAZIONE  MEDICA ( se in possesso ):

  - EVENTUALI CERTIFICATI MEDICI e DOCUMENTI ATTESTANTI il GRADO DI INVALIDITA’ e/o le CONDIZIONI di SALUTE

  C) PER I DISOCCUPATI:

  - FOTOCOPIA PATTO DI SERVIZIO SOTTOSCRITTO CON IL CENTRO PER L’IMPIEGO DI BOVOLONE

  D) PER I CITTADINI STRANIERI EXTRACOMUNITARI:

  - TITOLO DI SOGGIORNO IN CORSO DI VALIDITA’ (DURATA DI ALMENO 1 ANNO)


inoltre PER  TUTTI:

- DOCUMENTI  RIGUARDANTI EVENTUALI SPESE PER LE QUALI SI INTENDE CHIEDERE IL CONTRIBUTO (solo spese di prima necessità quali affitto, luce, acqua, gas, spese mediche e/o farmaceutiche non coperte dal Servizio Sanitario Nazionale).

 

DELIBERAZIONE G.C. N.2 DEL 18/01/2017 

CRITERI "MINIMO VITALE" PER SERVIZIO DI ASSISTENZA ECONOMICA RIVOLTO A PERSONE E NUCLEI FAMILIARI IN STATO DI NECESSITA' - ANNO 2017

 

 

 


 

Pubblicato il 
Aggiornato il